Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipi Suspend isse ultrices hendrerit nunc vitae vel a sodales. Ac lectus vel risus suscipit venenatis.

Cerca

Box Pistoia: Rinati

“Il brigidino è Lamporecchio e Lamporecchio è il brigidino”. Ed è grazie al nome di Rinati se ciò è stato possibile, avendo fatto conoscere in tutto il mondo questa delizia dal gusto deciso e particolare. L’idea di estendere gli orizzonti cittadini prima a Firenze, poi al resto della Toscana, infine oltre i confini nazionali, passò per la testa ad un imprenditore della zona, che ritenne opportuno spingersi oltre la semplice e tradizionale abitudine dei venditori ambulanti, che erano presenti tra sagre e feste di paese con le loro tipiche bancarelle, tentando di commercializzarli anche in altri contesti.

Claudio, attualmente il responsabile dell’azienda, ci racconta nel dettaglio la nascita del brigidino. Leggenda vuole che le monache del convento di San Baronto, devote a Santa Brigida (una religiosa svedese vissuta nel XIV secolo, da qui appunto il nome) producessero questi biscotti, che avevano la funzione di essere utilizzati come ostie. Moltissime famiglie della zona, in gran parte di estrazione contadina, erano solite preparare i brigidini durante la stagione invernale per degustarli al caldo del camino. La semplicità degli ingredienti (farina, zucchero, uovo) e della lavorazione (due soli passaggi tra impasto e modellazione) hanno finito per stabilire un legame definitivo, un vincolo insormontabile tra questo paese nel cuore della Toscana e il suo celebre prodotto.